Pasquale Visocchi: dalla ricerca scientifica al primo impianto di Cabernet in Val Comino

Le origini del Cabernet di Atina sono inscindibilmente legate a PasqualeVisocchi.

Nato ad Atina nel 1817 da una famiglia nobile e benestante, fu agronomo, agricoltore, viticoltore e industriale cartario.

Visocchi fu sindaco di Atina dal 1847 al 1850, mentre dal 1861 al 1871 fu consigliere provinciale, nel relativo consesso politico-amministrativo di Terra di Lavoro; fu inoltre vicepresidente della Società degli Agricoltori Italiani e corrispondente del Journal d'Agriculture Pratique.

Pasquale Visocchi, allora agronomo di fama nazionale, compì degli studi pionieristici nell’ambito del miglioramento della produzione agricola: mediante il recupero della pratica del sovescio e la predisposizione di campi sperimentali, ricavò una graduatoria delle specie più fertili, fra le quali fava e trifoglio. In particolare, egli mise in evidenza che l'azoto necessario alla vegetazione veniva assorbito, attraverso l’atmosfera, dalle leguminose sovesciate: tale tesi fu convalidata dagli esperimenti che dimostrarono come l'azoto atmosferico fosse fissato dai batterinelle minuscole nodosità presenti sulle radici delle leguminose.

Contemporaneamente ai campi sperimentali, aveva intrapreso delle ricerche tese a valutare le condizioni dei terreni della Valle di Comino in relazione alla possibilità d'impiantarvi vitigni francesi. Dal 1860 iniziò pionieristicamente ad importare dalla Francia sia vitigni a bacca rossa, quali Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Sirah e Gamay, sia vitigni a bacca bianca, tra i quali Pinot bianco, Semillon e Roussane. Egli fondò un moderno stabilimento enologico (Stabilimento Enologico Fratelli Visocchi) nel quale si trasformavano fino a 4000 quintali di uva e si producevano vini rinomati, la cui fama raggiunse livelli di riconoscimento internazionali.

Le sue esperienze furono seguite dalla famosa Scuola Enologica di Conegliano, dove tenne lezioni teorico-pratiche sulle forme di allevamento della vite: grazie ai suoi studi il Guyot prese il posto dell’Alberata.

Il riconoscimento della D.O.C. è arrivato nel 1999; il disciplinare della Doc Atina è profondamente legato alla storia della famiglia Visocchi, poiché quest’ultima, attraverso la propria esperienza, ha impresso e dettato le linee guida della vitivinicoltura del posto.

 


News ed Eventi

Brindiamo insieme ad un PREMIO importante.
Diploma di Gran Menzione ALTAIR RISERVA.

Festival delle storie 2014
Il Festival delle Storie incontra i giovani agricoltori, vincitori dell'OSCAR GREEN 2014.
Tenuta Petra Potens vince nella Categoria Stile e Cultura d'Impresa.